Intere vallate che hanno conservato intatto l’ambiente naturale, fiumi, torrenti, panorami incantevoli e varietà di ambienti. Tutto questo lo troverete visitando l’alto Lario e le sue vallate.
Il Pian di Spagna, così chiamato dall’ epoca della dominazione spagnola, è una vasta zona umida, istituita nel 1985 dalla Regione come area protetta.
Si trova al termine dei canali vallivi della Valtellina e della Valchiavenna in un luogo che costituisce una tappa obbligata per gli stormi migratori che dalle alte vette del Nord volano verso l’Africa.
È cosi facile ed emozionante osservare, magari con l’aiuto di strumenti adatti quali binocoli e cannocchiali aironi cinerini, svassi, germani e cigni in parte nidificanti e in parte erratici, provenienti dai laghi svizzeri , probabilmente ghiacciati.
Le specie faunistiche sono numerosissime ed in forte quantità, dai camosci ai cervi ai caprioli e alle marmotte.
Dal paese di Gravedona salendo verso la montagna si raggiunge una valle importante e ricca di fascino come la Valle di di Livo ricca nei secoli passati di produzione agricola e pastorale, questo territorio conserva un patrimonio artistico, assolutamente unico e stupefacente costituito da affreschi votivi sui muri delle chiese e delle case in pietra, tradizioni, usi, dialetti che vanno conservati e tramandati alle generazioni future.

A cornice naturale dei bacini del Lago di Como e del lago di Novate Mezzola si erge la catena prealpina, ricca di cime, ridenti vallate, versanti soleggiati, fruibile durante tutto il corso dell’anno.
Questo generoso entroterra offre infinite possibilità di escursioni, adatte ad ogni tipo di esigenza, sentieri percorribili a piedi e in mountain bike, possibilità di pernottamento in rifugi alpini, ristori in allegre e semplici trattorie, dove poter ritrovare l’autenticità dei sapori di un tempo e, ad inaspettata ricompensa per la fatica fatta, la gioia di panorami mozzafiato.

Nei pressi di Sorico, il fiume “la Mera”, discende dalla Val Chiavenna attraversa il Lago di Mezzola e porta al lago di Como le sue acque; poco lontano affluisce “l’Adda” che ha appena terminato la sua corsa attraverso la lunga e verde Valtellina. Nel mezzo è situata l’oasi del Pian di Spagna, vasto piano, un tempo palude ora Riserva Naturale che, con i suoi 1586 ettari di superficie, è la più grande della Lombardia.